Bozzetti

Relazioni carri 2020 in ordine alfabetico

RIONE CAPANNINO – “STOP!!! E’ l’ora di essere libere di esistere”

Bozzetto Rione Capannino

Essere Donna è così affascinante.
E’ un’avventura che richiede coraggio una sfida che non finisce mai.
E così è sempre stato nel passare degli anni.
Il rione Capannino quest’anno vuol dire BASTA … e lo diciamo a modo nostro  …  con le sfumature che il mondo del carnevale  nasce a creare.
Con la musica diciamo basta sulle note del ” NESSUN DORMA ” di Giacomo Puccini . STOP AL FEMMINICIDIO, Stop alle violenze di ogni genere, fisiche e non.
Usciamo da questo momento buio, un po’ come la notte.
Siamo positivi nel credere che dopo una notte così buia ci sia un’alba meravigliosa.
Ed allora SVEGLIAMOCI !!! affinchè la donna possa dire finalmente ” All’alba VINCERO’ “.
Con il mascherone centrale abbiamo voluto rappresentare la madama Butterfly, anch’essa vittima di soprusi e manipolazioni da parte del mondo maschile.
In una mano tiene un ventaglio , simbolo tradizionale giapponese con un profondo significato: Che la felicità sia piena di avvenimenti colmi di GIOIA che possano estendersi fino fino a divenire grandi proprio come l’estesa apertura di un ventaglio.
Nell’altra mano una Maschera.
La maschera che copre il sangue e il dolore delle donne, la maschera come volto della paura.
Il nostro corpo di ballo rappresentato da farfalle in segno di trasformazione e rinascita per far si che questi cuori rinchiusi nelle gabbie possano spiccare il volo rendendosi  liberi da ogni sopruso e manipolazione.
La nostra reginetta, la figura principale, incarnerà alla perfezione quello che sono gli ideali di questo argomento. Non lasciando però da parte il fatto che comunque è carnevale.

RIONE CASSARELLO – “Siamo tutti figli di …”

Bozzetto Rione Cassarello

L’epica guerra di Troia, narrata da Omero nell’Iliade, è l’intramontabile testimonianza di come vi siano uno scollamento profondo fra le reali cause che portano ad un conflitto armato e le motivazioni che vengono poi rifilate alla popolazione, spesso inneggianti ad alti valori nobili che possono accendere il fuoco negli animi dei futuri combattenti.
La guerra di Troia è la dimostrazione lampante di questo percorso: un conflitto nato per contrastare la forza militare e commerciale della città e del suo porto è passata alla storia, attraverso i millenni, come una guerra per recuperare Elena, la donna amata, meschinamente rapita da Paride e tenuta ostaggio dal nemico.
Dai tempi di Troia, fino ai tempi odierni, l’insegnamento da trarre è sempre lo stesso: ogni guerra, per quanto spacciata nobile, in realtà ha come motivazioni vere i soliti interessi economici e la ricerca spasmodica del potere.
Per questo dall’antica Grecia ad oggi “siamo tutti figli di…”

RIONE 167 OVEST – CAMPI ALTI AL MARE – “L’abbraccio che ci salva”

Bozzetto Rione 167 Ovest – Campi Alti al Mare

L’uomo e la tecnologia, il boom economico e  industriale, i progressi in ogni campo scientifico e medico,  le energie rinnovabili, il boom dell industria nucleare!
se da un lato tutto questo ha fatto si che l uomo potesse vivere meglio , dall altro il risvolto della medaglia è negativo, con aspetti devastanti e conseguenze pericolose mettendo a rischio la stessa umanita’.
Ancora oggi infatti una delle conseguenze piu’ pericolose per l uomo e il mondo che lo circonda sono  gli effetti dovuti all esplosione della centrale nucleare di chernobyl, e di qualche tempo fa in giappone a fuskushima.
Allora è giusto fermarci e capire quanto siamo in pericolo?!
per questo e’ importante ristabilire la giusta armonia con la natura,  solo così avremmo una chance di sopravvivenza.
Ma chi ci puo’ aiutare?
Noi crediamo anche un semplice albero, secco, indebolito, con poche foglie, che con le sue ultime forze cerca di proteggere una vita,  tra i suoi rami con un abbraccio.
Un albero che diventa un vero protettore della natura e dell umanita’ intera, diventando lui stesso una barriera che cerca di rallentare o fermare l avanzare del progresso  dell industria nucleare.
Un albero che non si da’ per vinto , anche se la rigogliosita’ la sta perdendo cosi’ come la sua linfa naturale , ma trova in se stesso la forza della sopravvivenza, la voglia di proteggere tutta la natura, anche perche’ vede che quella vicina alle industrie ormai è contaminata e morente , il suo scopo è salvaguardare l ambiente , i colori e i profumi dei fiori , degli alberi, del mondo animale e quindi dell umanita’ intera.
Avra’ cosi l aiuto anche della natura stessa ,che cerca di  combattere e a non farsi sconfiggere, trovando nuove energie dalla terra non contaminata  e grata al grande albero  che diventa il protettore con il suo amorevole abbraccio.

RIONE CENTRO – “Buon Compleanno Mina”

Bozzetto Rione Centro

Il nostro carro vuole essere un omaggio alla più Grande donna, artista, ed interprete che il mondo abbia mai conosciuto . Il 2020 per Mina è un anno magico ricco di date ed anniversari da festeggiare. Spengerà 80 candeline, saranno passati 50 anni da “insieme” e dall’incontro con Battisti , 60 dall’uscita del primo LP “Il cielo in una stanza “ quando aveva 20 anni. Abbiamo cercato di creare un’armonia di elementi che, messi insieme alle coreografie i vestiti e le canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana dagli anni 60 ad oggi, speriamo vadano a creare una esplosione di gioia nei volti di chi partecipera’ e si emozionerà insieme a noi.

RIONE PRATORANIERI – “L’impero colpisce ancora”

Bozzetto Rione Pratoranieri

Nel costruire e progettare il nostro carro quest’anno abbiamo deciso di fare riferimento alla saga cinematografica di Star Wars, un tema di fantascienza che ha avuto molto successo dal 1977 in poi, tanto da rivelarsi un vero e proprio fenomeno culturale attirando una vasta schiera di appassionati.
Il tutto si svolge in una galassia immaginaria in un epoca non precisata con una varietà di protagonisti tra cui umani, robot, droidi e naturalmente le astronavi che permettono gli spostamenti nella vastità della galassia.
Il tema non è altro che la lotta tra il bene rappresentato dalla repubblica contro il male rappresentato dall’impero.
Anche se le immagini appartengono alla fantascienza il fine è quello di fare riferimento ad eventi storici avvenuti sulla terra o che si stanno attualmente verificando.
Potremmo infatti cogliervi con un pò di fantasia riferimenti a varie situazioni che si stanno evolvendo nella politica mondiale.
Il nostro carro segue le linee della geometria ed i mascheroni raffigurano la forza dell’impero, cioè a dire il potere del male.
Il bene potra’ fermare l’avanzata del male?
Questo l’enigma che poniamo…

RIONE SENZUNO – “Viva La Vida”

Bozzetto Rione Senzuno

El Dia de Los Muertos è la festa dei morti che celebra la vita. Una
commemorazione dei defunti che si trasforma in un allegro carnevale di colori e musica.
Il Rione Senzuno danza attorno alla morte, ispirandosi al Messico e alla sua
tradizione popolare. Bambini, giovani e adulti indossano travestimenti da
scheletri colorati, ballano e sfilano festeggiando la vita, di cui la morte è un
passaggio gioioso e inevitabile. “Viva la vida”, titolo della più famosa opera
della pittrice messicana Frida Kahlo è la versione senzunese di una delle più antiche espressioni culturali del centro America, patrimonio dell’UNESCO dal 2008, che celebrando gli antenati afferma l’identità di un popolo e le sue origini indigene mostrando la morte da un punto di vista decisamente insolito e gioioso.
E il carro del Rione Senzuno celebra tutto questo con una danza che è anche
l’incontro tra i due grandi scheletri abbigliati, truccati secondo la tradizione de el Dia de Los Muertos, proprio per celebrare la festa, la vita, l’amore,
l’allegria.
Attraverso l’allegria, i colori e la musica, i defunti si ritrovano e si riconnettono alla vita ecco perché i due mascheroni nel loro avvicinarsi si allontanano anche, in questo ripetersi annuale che è anche la danza della vita.
Il carro è preceduto dalla sfilata a terra, interamente disegnata e confezionata a mano; tutti i costumi sono stati prima immaginati, poi disegnati, modellati, cuciti e dipinti a mano, dalle maschere alle decorazioni dei costumi maschili.
Viva la vida!!

RIONE ZONA NUOVA – “Siamo alla frutta… per fortuna poi arriva il dolce!!!”

Bozzetto Rione Zona Nuova

E’ Sera In Una Qualunque Casa Italiana La Famiglia E’ Riunita Per La Cena Con Il Televisore Acceso Su Un Telegiornale…. Un Primo Piatto Tra Crisi Economiche E Guerre, Un Secondo Piatto Tra Immigrazione E Politica Interna, Un Contorno Tra Tasse E Problemi Dell’europa …..  Il Giornalista Parla Di Femminicidi Ed Omicidi Stradali Quando I Genitori All’unisono Dicono “Siamo Alla Frutta” …. I Figli Nella Loro Innocenza Rispondono “…. Per Fortuna Poi Arriva Il Dolce”.
Se Questo Accade In Una Casa Di Follonica Dove Si Respira Carnevale Puo’ Capitare Che La Figlia Di 9 Anni Disegni Uno Schizzo E Lo Presenti Al Proprio Rione Al Grido Di “Rendiamo Piu’ Dolce Il Mondo”.
Ed Ecco Qui Il Nostro Carro, Una Piccola Pasticcera Che Produce Dolci Con Gioia E Felicita’ Al Solo Scopo Di Diffondere Nella Quotidiana Vita Amara Quella Dolcezza Di Cui Tutti Abbiamo Bisogno.
Ed Insieme A Lei A Diffondere La Dolcezza Troveremo Le Nostre Ragazze Del Carro Formato Bastoncino Di Zucchero, La Nostra Bellissima Reginetta Francesca, La Nostra Mascherata A Terra Formata Da Mille Colori Come I Gustosissimi Lecca Lecca, Ed I Bambini Della Scuola Primaria Cimarosa Che Hanno Anche Contribuito Con Dei Lavoretti Alla Realizzazione Del Carro.
I Carristi Nel Capannone A Costruire Il Carro, Le Donne A Provare Coreografie E Cucire I Vestiti, Tanti Notti Fredde, In Locali Angusti Ma Sempre Con Un Piatto Di Dolcetti Vicino Al Grido Di Per Fortuna Il Dolce E’ Arrivato.
Speriamo Che La Nostra Allegria E Dolcezza Vi Contagi Tutti Quanti E Rendendo Ciascuno Di Voi Un Pochino Piu’ Dolce Avremo Reso Piu’ Dolce Anche Il Mondo.